come preannunciato, si è svolto il contest dedicato alle domande da portare alle associazioni. Oggi si è chiusa la votazione e possiamo annunciarvi  quali sono le domande più votate che di diritto saranno portate dagli autori il 19 maggio, durante “dillo alle associazioni”, per discuterne con le stesse e gli intervenuti in sala, a cui seguirà un dibattito libero con la platea. Una premessa, i posti disponibili erano tre, ma leggerete cinque nomi. Due autori/ideatori li abbiamo accorpati per vicinanza delle domande, e uno è davvero una special guest che rivolgerà la sua domanda. Ha comunque partecipato al contest ed è stato votato tra i primi tre, ma l’organizzazione ha deciso di lasciare tre posti agli altri, come promesso.

I titoli delle domande sono provvisori, gli autori potranno modificarli.

iniziamo con la domanda di Francesca Greco:

Disintermediazione e Home Staging:

“Sento spesso parlare del fenomeno della disintermediazione quale effetto (anche) della rivoluzione tecnologica che permette a domande ed offerta di incontrarsi autonomamente, senza il tramite del mediatore.
Posto che il fenomeno andrebbe “pesato” e che non si può semplicemente puntare il dito, ad esempio, verso i portali immobiliari che bene o male tutti usano, quali sono le azioni di sensibilizzazione e/o formazione che avete pensato per i vostri associati per permettergli di comprendere appieno e sfruttare la potenzialità che tecnologia, Web e social ci mettono a disposizione per riguadagnare quella centralità che ci è stata tolta o, forse, ci siamo fatti togliere?
Credete che tecniche consolidate in altri mercati, come l’home staging, possano aiutare l’ agente immobiliare ad offrire un servizio qualificato e qualificante? E se sì, come fare a spiegarne le tecniche ed il corretto uso? Grazie, Francesca greco. “

 

abbiamo poi unito due domande, perchè molto vicine. Gli autori sono Vitantonio Spinelli e Sabino Grimaldi. 

Sabino Grimaldi: coesione comunicativa possibile? 

“la mia domanda è: le associazioni di categoria potranno in futuro prendere in considerazione seriamente una linea comune di comunicazione e marketing, magari anche attraverso spot pubblicitari sui media come ad esempio radio e tv, con lo scopo di far percepire ai consumatori, l’importanza di affidarsi ai servizi di un Agente Immobiliare Professionale? Grazie”

Uniamo questa domanda a quella di Vitantonio Spinelli, che ci ha omaggiato di un video: Associazione Unica, è possibile?

E’ la volta poi di Pasquale Esposito, che ha un progetto/idea da condividere con le associazioni:

Il manifesto degli agenti immobiliari:

Il Manifesto de “L’Agente immobiliare indispensabile”…. che ha coinvolto me ed altri colleghi nella sua creazione, mi ha dato spunto per fornire una serie di Termini che secondo me dovrebbero essere dei punti cardini del nostro modus operandi…. SINERGIA, PASSIONE, OBIETTIVI, CORTESIA, TRASPARENZA, IMPEGNO, SFIDA, TENACIA, DETERMINAZIONE, CORRETTEZZA, ETICA, PROFESSIONALITÀ, FIDUCIA, COLLABORAZIONE, AMBIZIONE, INNOVAZIONI, MENTALITÀ, REPUTAZIONE, EMPATIA…. E ULTIMA MA IMPORTANTISSIMA UNICITÀ….. Colleghi quale di queste parole vi descrivono meglio…. e quali altre aggiungereste?

E soprattutto vorrei capire se, da questo manifesto, può nascere un’iniziativa univoca delle associazioni per dare una linea guida, una visione innovativa della nostra professione… dando un’unicità non replicabile , per essere scelti dai nostri clienti per un “qualcosa” che altrove non troverebbero

Infine,  abbiamo avuto l’onore di ricevere una domanda/confronto di Roberto Barbato, volto notissimo del real estate italiano, che vorrà parlare di: “Collaborazione tra agenti immobiliari: perché ci rafforza e ci fa conquistare quote di mercato”

Dopo questo confronto seguirà il dibattito aperto con la platea.

Ti aspettiamo perchè ricorda: a ideare il protagonista SEI TU!

 

Dillo Alle Associazioni – Le Domande Più Votate

Brainstorming

scambi di idee

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.